Il Master PolisMaker

PolisMaker per la qualità del vivere e lo sviluppo urbano sostenibile

Il Master “PolisMaker per la qualità del vivere e lo sviluppo urbano sostenibile” è un percorso di alta formazione unico in Europa, che forma una nuova figura professionale, il PolisMaker, un operatore territoriale di ampio respiro, un Value manager e Program manager in grado di impiegare le proprie conoscenze tecniche e umanistiche per rispondere in modo concreto alle esigenze di qualità della vita nelle nostre città.

Le origini del Master
Il Master PolisMaker, arrivato alla IV edizione di I livello e VI edizione di II livello, accompagna la formazione degli operatori del settore sin dal 2005. Nato all’interno del PolisMaker Lab, Centro Studi sulla gestione della trasformazione degli insediamenti urbani per la qualità del vivere, ha trovato origine nella sua prima edizione nel programma di cooperazione INTER-REG Italia Svizzera nel progetto “Il PolisMaker per la gestione della trasformazione urbana nell’ottica della qualità del vivere” proposto dal Politecnico di Milano, dal Libero Istituto Universitario Carlo Cattaneo, dall’Alta Scuola di studi psicologici dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dalla Città di Lugano, dall’Ecole Polytechnique Federale de Lausanne e dall’Ecole Hôtelière de Lausanne. Il Master PM è istituito presso il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale del Politecnico di Milano ed erogato dal Consorzio CISE (Construction Innovation and Sustainable Engineering) ente partecipato del Politecnico di Milano, con il coordinamento scientifico del PolisMaker Lab e il coordinamento organizzativo di Baicr Cultura della Relazione, in lingua italiana e inglese nelle modalità presenziale e online.

Si tratta di un percorso di formazione post lauream che risponde alle esigenze di specializzazione o di approfondimento per chi, già inserito nel mondo del lavoro, intenda ampliare, su base organica, le proprie competenze su tematiche inerenti al settore della trasformazione urbana o per chi ne vuole entrare a far parte.

--> I candidati che presenteranno la domanda di partecipazione entro il 15/12 potranno usufruire di agevolazioni speciali sulla retta del Master: fino al 50% per chi possiede una laurea del Politecnico di Milano, fino al 20% per chi proviene da uno degli Atenei partner del Master <--

Caratteristiche del Master

Master di I o II livello
Il Master PolisMaker si propone di fornire al PolisMaker gli strumenti metodologici necessari per operare trasformazioni urbane e territoriali che valorizzino i patrimoni ambientale e costruito, migliorando la qualità della vita degli abitanti e divenendo così fattore propulsivo di attrattività e di competitività della città e del territorio.
Master di I livello:
Il Master universitario è riservato a candidati in possesso di Diploma universitario, Laurea V.O., Laurea o Laurea Specialistica/Magistrale N.O. in Ingegneria Civile, Ingegneria per l’ambiente e il Territorio, Ingegneria Edile, Architettura, Urbanistica, Agraria, Geologia Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche, Sociologia, Geografia.
Per i candidati stranieri saranno considerati titoli di studio equipollenti nei rispettivi ordinamenti degli studi.
Master di II livello:
Il Master universitario è riservato a candidati in possesso di Laurea V.O., Laurea Specialistica/ Magistrale N.O. in Ingegneria Civile, Ingegneria per l’ambiente e il Territorio, Ingegneria Edile, Architettura, Urbanistica, Agraria, Geologia Economia, Giurisprudenza, Scienze Politiche, Sociologia, Geografia.
Per i candidati stranieri saranno considerati titoli di studio equipollenti nei rispettivi ordinamenti degli studi.

Modalità di partecipazione: Presenziale o Online
Il Master prevede due diverse modalità di partecipazione:
– Modalità in presenza: lezioni frontali erogate in Italiano o in Inglese e fruibile sia di I che di II livello. Questa modalità prevede un tirocinio formativo della durata di almeno 180 ore.
– Modalità a distanza: didattica online integrata a seminari in presenza, erogato in Italiano o in Inglese e fruibile sia di I che di II livello.

Lingua: Italiana e Inglese
Il Master PolisMaker forma professionisti provenienti da tutto il mondo. Propone una didattica in lingua italiana o inglese.

Durata ed organizzazione
Il corso si sviluppa lungo un periodo di 12 mesi da Aprile 2019 a Aprile 2020 articolandosi, in un monte di 1500 ore e 60 crediti (CFU), così organizzati:
– 396 ore di didattica front-line (36 CFU)
– 96 ore di esercitazioni, simulazioni, internships (6 CFU)
– 360 ore di stage/ricerca e tesi finale (18 CFU)
– 648 ore di studio individuale
– La modalità presenziale risulta integrata da ulteriori 120 ore di workshop e da un Project Work individuale.
Nei successivi 8 mesi può perfezionarsi lo stage e sostenersi la prova finale.
Le lezioni si terranno nei soli giorni di Venerdì mattina e pomeriggio e Sabato mattina per favorire la compatibilità con l’attività lavorativa.
Il Master rilascia 60 CFU per tutti gli studenti, 20 CFP per gli iscritti all’ordine degli architetti e 30 CFP per gli iscritti all’ordine degli ingegneri.

A chi è rivolto
Il Master si propone di formare figure professionali specializzate nel campo della gestione della trasformazione degli insediamenti urbani con una particolare attenzione per la qualità del vivere, in un contesto caratterizzato da un costante incremento di una domanda di qualità della città in tema di servizi, mobilità, fenomeni di inquinamento e spazio esistenziale dell’uomo. Il Master è rivolto a profili professionali interessati alla trasformazione urbana, a dirigenti e funzionari delle pubbliche amministrazioni, a professionisti del settore e a laureati in Architettura, Ingegneria Civile e Ambientale e Territoriale e Ingegneria Edile/Architettura, e di altre discipline economiche, giuridiche, delle telecomunicazioni, geografiche e più in generale in scienze sociali e umane che intendano inserirsi nel mondo lavorativo concernente questo ambito.

Progetto formativo
L’impostazione del Master si contraddistingue per la sua interdisciplinarietà sviluppata come risposta alla molteplicità di conoscenze e competenze richieste per operare nel settore della trasformazione urbana: in particolare si distingue per affiancare materie propriamente tecniche a materie umanistiche. La didattica dei Master è organizzata secondo una metodologia dinamica, che prevede corsi con lezioni, esercitazioni, testimonianze, lavori di gruppo, workshop, project work e analisi di casi di studio. Il percorso formativo del Master è caratterizzato in tutta la sua durata da una costante integrazione tra teoria, attività lavorativa e orientamento al mondo del lavoro.
Sei sono le macro Aree didattiche:
Area Ambiente CostruitoArea Economia e StrategiaArea DirittoArea Scienze UmaneArea Arte e DesignArea Comunicazione
Proposta di una metodica di lettura della qualità dell’abitare e più in generale del vivere negli ambiti urbani in termini di ben-essere per l’uomo, quale esito di un’indagine su una casistica di significative opere architettoniche e di significativi interventi di riqualificazione urbana. Approntamento di idonei strumenti informatici in relazione a modelli di sviluppo sostenibile in particolar modo per aree a rischio. Definizione dei lineamenti della Scienza del Paesaggio, da percepirsi soprattutto in chiave antropologica e non tanto estetica, in vista di un suo contributo nella ricerca della qualità del vivere.
Individuazione di nuove dinamiche di valorizzazione territoriale attraverso un nuovo approccio al marketing strategico. Definizione di modelli evoluti di valutazione quali-quantitativa riferiti a beni territoriali ordinari e straordinari, privati e pubblici con una particolare attenzione rivolta anche al Valore Sociale. Definizione di modelli economico-finanziari di valutazione delle scelte progettuali in ottica di sostenibilità, compatibilità e project-financing. Metodi e tecniche di valutazione nell’ambito dell’Estimating e dell’Appraisal. Case studies.
Individuazione di percorsi attuativi nella trasformazione urbana percepita in ottica olistica in relazione all’evoluzione delle fonti legislative e tecnico- normative. Tematiche relative alla Circular economy, alla gestione del territorio con particolare riferimento all’urbanistica, agli strumenti di valutazione ambientale di piani e progetti. Valorizzazione dei beni culturali quale strumento strategico per lo sviluppo socio-economico del territorio con particolare riferimento agli istituti del partenariato pubblico-privato. Nella disamina di queste tematiche sarà data attenzione agli istituti fondamentali della contrattualistica pubblica e in particolare in materia di appalti e Public e-procurement. Verranno trattati inoltre l’evoluzione dell’Etica dei rapporti sociali verso tematiche quali la Business Etiquette. Diritto nazionale e Diritto comparato.
Attraverso la Psicologia, l’Antropologia, la Sociologia e l’Etica, una riflessione critica e sistemica sull’abitare, con l’individuazione dei principi alla base del ben-essere ricondotto allo spazio esistenziale dell’uomo. Tecniche e strumenti per indagare il legame tra qualità del vivere e sviluppo economico sostenibile. Workshop tematici.
Strumenti innovativi e approcci critici dell’Arte e del Design per la trasformazione degli spazi urbani in un’ottica di qualità della vita. La psicologia e l’utilizzo dei linguaggi artistici specialmente nei contesti urbani. Composizione architettonica e urbana. Case studies: lettura di scenari nazionali e internazionali.
Metodi e Strumenti per Comunicare con la Città: la comunicazione dei Public Interest per la gestione della trasformazione urbana, con una particolare attenzione per la comunicazione intesa come strumento partecipativo, tesa a creare consenso e condivisione. Identità e Città Vissuta, in cui viene svolto un workshop su uno specifico tema relativo alla gestione di un intervento di trasformazione urbana con particolare riferimento all’aspetto comunicazione. Branding and Personal Branding.Analisi dei dati dei big data per la gestione delle trasformazioni urbane
Il programma didattico è integrato da workshop e project work su temi d’interesse per organismi privati e Pubbliche Amministrazioni quali il sostegno allo sviluppo delle aree rurali, lo sviluppo della cooperazione tra sistemi produttivi locali, lo sviluppo integrato del turismo, la gestione del territorio, la salvaguardia e la valorizzazione delle risorse ambientali, la valorizzazione del patrimonio artistico, culturale ed edilizio, lo sviluppo coordinato delle risorse, le smart city, la valorizzazione dei piccoli borghi, la ricostruzione post terremoto, gli aspetti evolutivi nel comparto delle costruzioni con riferimento alle due filiere del Real estate e dei lavori pubblici, la fiscalità immobiliare, aspetti evolutivi in tema di regime dei suoli ed espropriazione per pubblica utilità, aspetti evolutivi in tema di legislazione sugli appalti pubblici in relazione alla Garanzia di Qualità in ambito Europeo, aspetti evolutivi in tema di certificazione degli esperti valutatori per quanto concerne gli ambiti applicativi dell’appraisal e dell’estimating, la valorizzazione delle risorse architettonico ambientali di interesse culturale, la valorizzazione dei beni culturali quale strumento strategico per lo sviluppo socio-economico del territorio con particolare riferimento agli istituti del partenariato pubblico-privato, la gestione del territorio con particolare riferimento all’urbanistica e agli strumenti di valutazione ambientale di piani e progetti, agli istituti del partenariato pubblico-privato, la stima del Valore sociale dei beni pubblici, la stima dei danni ambientali, le tecniche di negoziazione nell’ambito dell’urbanistica contrattata, la valutazione dell’efficienza e dell’efficacia degli investimenti pubblici mediante le tecniche dell’Estimo ambientale, l’applicazione del BIM, etc.

Corpo docente e collaborazioni
Il Master si avvale di docenti del Dipartimento ICAT (Ingegneria Civile Ambientale Territoriale) del Politecnico di Milano (coordinato dal prof. A. Caruso di Spaccaforno), dell’Unità di ricerca di Psicologia dell’Arte dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (coordinati dalla Prof.ssa Gabriella Gilli), del Dipartimento di Ingegneria Civile e ambientale dell’Università degli Studi di Salerno (coordinati dal Prof. R. Gerundo), del Dipartimento di Diritto per l’Economia dell’Università degli Studi Bicocca (coordinati dal prof. C. Vaccà), della Facoltà di Architettura dell’Università di Buenos Aires (coordinati dal Prof. S. Caprio), della Facoltà di Architettura dell’ Universidad de Palermo (Buenos Aires)(coordinati dal Prof. Daniel Silberfaden), del Dipartimento di Scienza della Terra dell’Istituto Tecnològico de Querétaro – Tecnologico Nazional de Mexico (TNM)(coordinati dalla Prof.ssa M.T. Trejo Guzmán) e di BAICR Cultura della Relazione per quanto riguarda l’Area di Comunicazione. Al progetto partecipano ulteriori docenti provenienti dal mondo della cultura e del lavoro con significativa esperienza professionale.

Costi, borse di studio e agevolazioni
Il costo totale del Master di I e II livello presenziale€ 9.500,00 omnicomprensivo delle tasse dovute al Politecnico di Milano. Nel costo è compreso il materiale didattico e di supporto e la consultazione di diverse biblioteche.
Il costo del Master di I e II livello€ 5.000,00 per coloro che scelgono la modalità online.
Sono attive diverse agevolazioni e borse di studio. Maggiori informazioni alla sezione del sito dedicata.