Presentazione

Polis-Maker per la qualità del vivere e lo sviluppo urbano sostenibile

È diventato oggi fondamentale, in risposta ai cambiamenti in atto e alle richieste dei cittadini abitare città, paesi, borghi più sicuri e vivibili, utilizzare strumenti e approcci nuovi, rivedere linguaggi e costruire relazioni tra discipline diverse.

La promozione del ben-essere e della qualità del vivere negli insediamenti urbani attraverso lo sviluppo economico e la sostenibilità rappresentano il cuore della ricerca del Master Polis Maker.

Il Polis Making è una disciplina trasversale che riguarda la gestione della trasformazione degli insediamenti urbani. Il Polis Maker unisce in sé una conoscenza interdisciplinare ad un approccio pratico; è in grado di fornire metodi, strumenti e approcci nuovi, rivedere linguaggi e costruire relazioni tra materie diverse: dal diritto urbanistico e ambientale (le direttive comunitarie e leggi nazionali), alla gestione dei contratti in ambito internazionale (i processi di negoziazione), alla prevenzione e gestione dei conflitti.

Il Master “Polis Maker per la qualità del vivere e lo sviluppo urbano sostenibile” giunto alla III edizione di I livello e V edizione di II livello è nato all’interno del Polis Maker Lab, Centro Studi sulla gestione della trasformazione degli insediamenti urbani per la qualità del vivere del Polo territoriale di Como del Politecnico di Milano ed erogato dal Consorzio CISE (Construction Innovation and Sustainable Engineering) in lingua italiana e inglese nelle modalità presenziale e online.

IL MASTER PREVEDE DUE DISTINTE MODALITÀ PER LA DIDATTICA

Per il Master di II livello presenziale è previsto un tirocinio formativo della durata di almeno 180 ore.

VALORE AGGIUNTO

Tre sono le specificità e il valore aggiunto che il Master Polis Maker si propone di trasferire ai partecipanti:

• la didattica esperienziale e attiva che alterna momenti dedicati all’inquadramento teorico dei temi e al trasferimento di modelli e strumenti, con momenti dedicati alla condivisione, al confronto e all’applicazione pratica dei contenuti in progetti concreti proposti dai docenti o dagli allievi e sviluppati durante lo svolgimento delle varie aree disciplinari del corso. Gli attori del processo sono in primis gli studenti, supportati e guidati dai docenti e da professionisti del settore.

• le numerose opportunità di networking che favoriscono la costruzione di solide relazioni professionali indispensabili per un apprendimento di qualità e per l’identificazione dei possibili percorsi di sviluppo professionale.

• l’esperienza che consente di aumentare il livello di auto-consapevolezza e che stimola e rende possibile lo sviluppo delle competenze di auto-gestione e di relazione che hanno un ruolo determinante nel rendere il professionista Polis Maker realmente e capace e d’impatto.